Tendenze Moda: Storia e Filosofia dell’Abbigliamento

La moda non è moda. E che cos’è la moda in ogni caso? Esaminiamo prima il termine moda. Simmel, sociologo classico, già nel 1905 distingueva il termine moda da quello di abbigliamento funzionale “quotidiano”. L’abbigliamento soddisfa un bisogno umano puramente funzionale – così come la protezione contro il freddo o la pioggia. La moda, d’altra parte, è qualcos’altro! La moda è anche un bisogno sociale. Ecco perché oggi guardiamo alla storia della moda e alla sua influenza sulla società. Qui sotto troverete anche grandi video su 100 anni di moda!

Grazie per il contributo a Autore del libro & Responsabile Social Media Stephan Czaja.

La moda diventa un bene culturale – la moda esiste fin dall’inizio dell’umanità

La moda esisteva già all’inizio del genere umano In primo luogo, come descritto in precedenza, era un prodotto puramente pratico per i primi esseri umani per la protezione contro le influenze ambientali esterne. I primi eccessi alla moda si verificarono nel tardo Medioevo, ma fu solo nel XX secolo che divenne un bene culturale e un prodotto di stile di vita per quasi tutti. Designer, top model, brand di moda, hanno conquistato l’attenzione dei media e della società attraverso le prime anteprime cinematografiche, le prossime TV e le riviste di stampa. La moda è stata un bene culturale sociale fin dal 20 ° secolo ed è diventato un fenomeno di massa persistente allo stesso tempo.

Per la prima volta l’abbigliamento è diventato “moda”, lavorando la pelliccia con i primi aghi da cucito. Così, la demarcazione esterna e l’individualità acquisito importanza nella società per la prima volta. L’abbigliamento è diventato un simbolo di stato. La gente di epoca rinascimentale è ancora familiare a molti oggi. Voi tutti conoscete il Re Sole Luigi XII, ma per lungo tempo l’abbigliamento alla moda è stato riservato esclusivamente per l’aristocrazia – ergo, era solo in ritardo un bene culturale generale sociale. L’abbigliamento di alta manifattura è diventato accessibile nel XIX secolo, grazie all’industrializzazione, ma per un numero sempre maggiore di persone. Con l’aumentare della prosperità, l’abbigliamento pratico e semplice perse rapidamente la sua importanza. L’abbigliamento alla moda è diventato per la prima volta un prodotto e un bene culturale.

Industria della moda – tendenze e collezioni off-the-peg

https://www.youtube.com/watch?v=M4z90WlwYs8

Donne e uomini – la moda come prodotto industriale

Non solo la moda in sé era richiesta, ma anche il mondo della moda, i singoli marchi e le singole modelle. Anche i media e i filmmaker pubblicitari di quel tempo scoprirono rapidamente i nuovi e importanti designer e design. Grazie alla crescente domanda e alle nuove possibilità industriali, i designer hanno potuto produrre la loro haute couture in grandi quantità e in dimensioni standard. E proprio come l’ago da cucire ha portato al primo grande cambiamento all’inizio della storia umana, la nuova produzione industriale di massa di moda ha anche portato ad aumentare le possibilità di demarcazione e individualizzazione nella società. La produzione industriale rendeva la moda più veloce da produrre, ma anche più intercambiabile. La moda è diventata “vita quotidiana” con varie influenze multiculturali.

Alla fine del 21° secolo, la moda era diventata un’industria gigantesca, i media e la pubblicità, in particolare riviste, TV e, a partire dagli anni 2000, il World Wide Web, stavano diffondendo nuove tendenze più velocemente e più globalmente. Ma la moda è ora una questione individuale o un prodotto di standard puramente qualitativi – come molti altri? Per esplorare la moda e le sue origini sociali fondamentali, aiuta a rivolgersi a un sociologo classico: La “Filosofia della Moda” di Simmel (1905), a cui si fa riferimento nel capitolo seguente.

  • L’abbigliamento è un prodotto utile per la protezione contro gli agenti atmosferici come l’umidità e il freddo. La moda è un bisogno sociale.
  • Solo nel XX secolo l’abbigliamento alla moda è diventato un bene culturale sociale fino a diventare un’industria gigantesca nel XXI secolo. Oggi, tutti indossano le mode, sia in gruppi individuali o secondo modelli generalmente accettati.

Tendenze moda – media e ricerca di tendenza

Che cosa sono le tendenze della moda? Le tendenze definiscono le tendenze sociali nei loro inizi. Dai primi individui agli effetti globali. Moda è anche un termine essenziale nella ricerca dei media e delle tendenze. La moda (come descritto sopra) non è la stessa dell’abbigliamento. Ergo, se la gente indossava solo abiti adeguati, la moda sarebbe superflua. Qui la “filosofia della moda” giunge alla conclusione che la moda può funzionare come tale solo se presenta la sua differenza rispetto alla praticità dei fatti (dell’abbigliamento quotidiano).

Il termine moda sta per qualcosa di nuovo. Questa differenza è essenziale, soprattutto per le etichette di moda che sono fortemente dipendenti dalle tendenze e spesso esclusività. Determina il valore dei capi di moda ma anche l’impatto del proprio marchio. Questo può essere visto rapidamente nelle diverse mode di classe. La classificazione mostra come si sviluppano le tendenze (mode).
Secondo Simmel, le mode che emergono sono sempre mode di classe. Ciò significa che la moda delle classi superiori è diversa da quella delle classi inferiori.

Filosofia della moda – molto di più di un semplice abbigliamento

A suo tempo Simmel (1858-1918) si pose la domanda fondamentale: “Come è possibile la società? Per lui, l’interazione è ciò che rende una società funzionante. L’interazione dei singoli individui tra loro. Essi derivano dalle forme di socializzazione, i cui contenuti possono essere di natura più varia e quanti se ne desiderino. Socializzazione significa che gli individui formano gruppi e valori comuni. Oltre alla religione o al denaro, è la moda. Questo crea modelli comuni secondo i quali i gruppi e i loro individui sono guidati.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento